Unipol, 1 anno a Berlusconi. A Fassino risarcimento da 80mila euro

Unipol, 1 anno a Berlusconi. A Fassino risarcimento da 80mila euro

Cavaliere condannato per rivelazione di segreto d'ufficio per telefonata tra ex segretario Ds e Consorte. Al fratello Paolo 2 anni

TMNews

Milano, 7 mar. (TMNews) - Silvio Berlusconi è stato condannato a un anno di reclusione nel processo Unipol dove era chiamato a rispondere dell'accusa di rivelazione di segreto d'ufficio in relazione alla pubblicazione sul quotidiano di famiglia della telefonata in cui Piero Fassino diceva a Giovanni Consorte: "Allora abbiamo una banca".

Il fratello Paolo è stato condannato sia per rivelazione di segreto sia per ricettazione a due anni e tre mesi. La sentenza condanna il Cavaliere a versare 80mila euro di risarcimento danni in solido con il fratello Paolo a Piero Fassino, costituito come parte civile. Inoltre ci sono 10 mila euro di spese processuali che si aggiungono al risarcimento.

"È una sentenza di condanna veramente sorprendente, non c'erano e non ci sono prove a carico del presidente Berlusconi" ha commentato Piero Longo, il legale dell'ex premier.

Int5

VIDEO INCHIESTA
All'asta la leggendaria moto di Peter Fonda in "Easy Rider"
TWITTER
NUOVA EUROPA
Le principali notizie con foto del notiziario specializzato sull'Europa orientale.
TMNEWS SMS
le notizie di carattere generale in tempo reale sul tuo telefonino.