Papa Francesco indossa pallio e anello del pescatore, inizia Messa

Papa Francesco indossa pallio e anello del pescatore, inizia Messa

A San Pietro inaugurazione Pontificato. Piazza gremita. Bergoglio tra i fedeli scende dalla jeep: benedice malati e bacia bambini

TMNews

Roma, 19 mar. (TMNews) - Cerimonia di inaugurazione del Pontificato di Papa Francesco a San Pietro. Prima, un lungo giro di piazza tra i fedeli sulla jeep bianca del Vaticano. Il Papa è sceso per avvicinarsi a un malato in prima fila dietro le transenne per benedirlo. Poi, tornato a bordo, ha fatto il segno dell'ok con le dita. "E' sceso tra gli ultimi, è meraviglioso", ha detto a TMNews un volontario dell'Unitalsi.

Papa Francesco ha poi baciato alcuni bambini arrivati davanti alla basilica con i genitori che gli sono stati accostati dal personale della sicurezza. Il nuovo Pontefice continua a stupire con comportamenti e gesti di novità e rinnovamento.

Prima dell'avvio della messa il Papa è sceso con i patriarchi delle Chiese Orientali al sepolcro di San Pietro sotto la basilica vaticana e vi ha sostato in preghiera, incensando poi il trophaeum apostolico.

Risalendo in basilica, si è unito alla processione dei cardinali concelebranti, che - preceduta dai diaconi che portano il pallio pastorale, l'anello del pescatore e l'evangeliario - ha raggiunto l'altare sul sagrato della basilica al canto delle Laudes Regiae. Prima della Santa Messa i riti specifici dell'inizio del pontificato: l'imposizione del Pallio da parte del Cardinale Protodiacono Jean-Louis Touran, con una preghiera recitata dal Cardinale Protopresbitero Godfried Danneels; la consegna dell'Anello del Pescatore da parte del Cardinale Decano Angelo Sodano e l'obbedienza prestata al Santo Padre da sei Cardinali (due per ordine fra i presenti) a nome di tutto il Collegio.

Nel corso della santa messa, concelebrata con i cardinali, i patriarchi e gli arcivescovi maggiori delle Chiese orientali cattoliche, il segretario della congregazione per i vescovi mons. Lorenzo Baldisseri, e con i padri José Rodriguez Carbalho, superiore dei francescani, e Alfonso Nicolas, superiore dei gesuiti.

Poco prima della cerimonia il Papa ha telefonato ai fedeli riuniti a Buenos Aires in piazza de Mayo, davanti alla Cattedrale: "Se state pregando, grazie per le vostre preghiere". "Grazie per esservi riuniti a pregare, è così bello pregare, guardare il cielo, guardare il nostro cuore e sapere che abbiamo un padre buono che è Dio, grazie per questo", ha continuato papa Bergoglio, mentre migliaia di fedeli presenti lo ascoltavano sbalorditi per la sorpresa.

"Vi chiedo un favore: camminiamo tutti insieme, abbiamo cura gli uni degli altri, abbiate cura di voi stessi, non fatevi del male: abbiate cura della vita, abbiate cura della famiglia. Curate le meraviglia della natura, abbiate cura dei bambini, abbiate cura dei vecchi. Non fatevi prendere dall'odio, non litigate, non lasciate spazio all'invidia. Parlate gli uni con gli altri. Questo desiderio di cura vada crescendo nel cuore e avvicini a Dio", ha detto Francesco, prima di impartire la benedizione.

Gremita piazza San Pietro. Bambini, giovani, adulti, anziani, infermi, religiosi e delegazioni internazionali sono giunti da ogni parte del mondo, e continuano ad arrivare, impugnando bandiere degli Stati più disparati e lontani: oltre a quella italiana si scorgono, tra gli altri, i vessilli di Stati Uniti, India, Indonesia, Cina, Messico, Polonia, Germania, Spagna e Australia. Le più numerose sono però quelle argentine, in rappresentanza della patria di Papa Bergoglio.

Molti i giovani che indossano la maglia della nazionale di calcio argentina, con sulle spalle i nomi di Aimar, Messi, Maradona, in una strana commistione di sacro e profano che va oltre la passione, fino alla fede.

Assai numerosi anche gli striscioni. Tra gli altri, quelli della Comunità di Sant'Egidio, dell'Unitalsi (l'Unità nazionale italiana per il trasporto disabili), la Pontificia università lateranense, Comunione e liberazione. In diverse lingue le scritte: oltre all'italiano, lo spagnolo, il portoghese, l'inglese, il polacco.

Centinaia anche i reporter presenti in rappresentanza di 81 Paesi: telecamere e obiettivi sono puntati sul piazzale antistante la basilica, da dove sarà celebrata la messa. Quattro i maxischermi che trasmettono le immagini in piazza: per i fedeli più lontani, c'è la possibilità di seguire la messa attraverso maxischermi montati su via della Conciliazione e nella vicina piazza Risorgimento.

All'evento, oltre ai pellegrini, sono presenti centinaia di giornalisti di ogni nazione del mondo. E 132 fra Capi di Stato e teste coronate. La delegazione italiana, guidata dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, è composta da 16 persone.

Fra le quali i nuovi presidenti delle Camere Laura Boldrini e Pietro Grasso e il presidente del Consiglio Mario Monti.

Fra le molte delegazioni, in prima fila quelle provenienti dal Sud America che ha dato i natali all'argentino Papa Francesco, primo pontefice latino americano della storia. Saranno presenti alla messa le presidenti di Argentina e Brasile Cristina Ferandez de Kirchner e Dima Roussef e i presidenti di Messico Enrique Pena Nieto e Cile Sebastian Pinera. Fra gli europei, invece, presenti fra gli altri la Cancelliera tedesca Angela Merkel, il premier francese Jean-Marc Ayrault, il presidente della Ue Hermman Von Rompuy. Gli Usa sono rappresentati dal Vicepresidente Joe Biden.

Roma si è preparata ad affrontare la giornata eccezionale. A partire dalle 5 e sino alle 14 circa, su disposizione della questura, per ragioni di sicurezza saranno off limits piazza Risorgimento e strade di accesso, via del Mascherino, piazza della Citta' Leonina, via dei Corridori, Borgo sant'Angelo, piazza Pia, via della Conciliazione, nel tratto largo Giovanni XXIII e della Traspontina, lungotevere Vaticano, lungotevere in Sassia, piazza della Rovere, Galleria Pasa, largo di Porta Cavalleggeri, piazza del sant'Uffizio, corso Vittorio Emanuele II, via del Plebiscito.

Aperta la Ztl diurna del centro storico per ridurre i disagi al traffico privato. Servizio gratuito per il metrò, le 3 navette straordinarie e le linee 64 e 40. Per accedere alla zona di san Pietro si consiglia di scendere alle stazioni metro Lepanto per chi arriva dal centro e Cipro per chi arriva dalla zona Aurelia.

Per ragioni di viabilita' dalle 7:30 alle 9:30 è invece interdetto ai veicoli privati il tratto di Lungotevere da via Santa Maria in Cosmedin a Ponte Vittorio Emanuele II, direzione stadio Olimpico (lato sinistro). In questo tratto transiteranno le navette straordinarie dirette a san Pietro.

Int6

VIDEO NEWS
VIDEO INCHIESTA
BBW, la hit di Piotta per l'estate è un inno alle donne formose
TWITTER
NUOVA EUROPA
Le principali notizie con foto del notiziario specializzato sull'Europa orientale.
TMNEWS SMS
le notizie di carattere generale in tempo reale sul tuo telefonino.