askanews.it
Siria, video choc su Youtube: esecuzione in diretta

Siria, video choc su Youtube: esecuzione in diretta

L'Onu: possibile prova dei crimini di guerra commessi nel Paese

Ginevra, (TMNews) - Una vera e propria esecuzione sommaria, una decina di giovani siriani, forse soldati di Hassad, ma non è del tutto chiaro, ammassati tra polvere e calcinacci, umiliati, picchiati, presi a calci e poi giustiziati a colpi di mitra in nome di Allah da un gruppo di miliziani in abiti civili. Sono le crude immagini mostrate da questo video, l'ennesimo, postato su Youtube e probabilmente risalente al primo novembre. Secondo gli osservatori della Nazioni Unite, se ne fosse confermata la veridicità, sarebbe l'ennesima prova dei crimini di guerra commessi in Siria nel corso del conflitto tra ribelli e fedelissimi di Hassad. "Dobbiamo esaminarlo con attenzione - ha spiegato da Ginevra Rupert Colville, portavoce del commissariato Onu per i diritti umani - certo se tutto fosse vero, come sembra, dimostrerebbe che in Siria ormai non ci sono più solo dei combattenti. A questo punto si potrebbe davvero parlare di crimini di guerra".L'osservatorio siriano per i diritti umani, che ha diffuso il video, ha fatto sapere che che negli ultimi giorni sono stati almeno 28 i ribelli trucidati dai soldati in 3 posti di blocco. In tutto, fino ad oggi sono oltre 36mila le vittime siriane in 19 mesi di conflitto. Un vero e proprio genocidio, al quale, secondo l'Onu bisogna porre fine al più presto."Ancora una volta chiediamo alle parti in conflitto di rispettare le norme internazionali sui diritti umani - ha concluso Colville - se questo video verrà giudicato reale, sarà una prova dei crimini di guerra e potrà aiutarci a identificare e punire i responsabili".(Immagini AFP)

VIDEO NEWS
VIDEO INCHIESTA
AIG salvata dalla Casa Bianca e ora chiede 40 miliardi al governo
TWITTER
NUOVA EUROPA
Le principali notizie con foto del notiziario specializzato sull'Europa orientale.
TMNEWS SMS
le notizie di carattere generale in tempo reale sul tuo telefonino.